Current Issue

Vol.53 Num. 07/08 – July-August

Editorial

The Covid-19 pandemic is going on and it makes life difficult for many people, not only on an economic level, but also on a psychological, pedagogical, religious level. We already devoted one Bulletin to theis theme in March-April of last year, showing how missionary Congregations and Institutes were helping people to cope with basic needs. Here we present more in depth with some topics related to Mission.

Challenge of Education Ministry

The pandemic affected all levels of education practically in the whole world. According to some statistics out of a 1.6 billion students—24 million, especially in Asia, have lost every opportunity to start or continue their education. Others are confronted with online learning and other creative methods with better or worse results. Even in the countries less affected by the pandemic, as is the case of Taiwan, the number of students experiencing stress, depression, anxiety and crisis situations is growing rapidly. For example, in the university where I am working—the Fu Jen Catholic University—the number of students urgently needing psychological and spiritual help in the Student Counseling Center has increased threefold in the last year alone. This new situation is a challenge for all people involved in the education ministry, including our SVD confreres.

Liturgia nel Post-Pandemia Quali Prospettive per la celebrazione Liturgica nel “Post-Vaccino”?

Molti sono stati i contributi, pubblicati in questi mesi, circa le conseguenze che, direi inevitabilmente, la pandemia ha provocato anche nel celebrare cristiano e le iniziative poste in atto affinché il culto della Chiesa potesse essere comunque garantito. Diversi anche i congressi, seminari, webinair, che hanno approfondito o approfondiranno questo argomento. Non volendo indugiare ancora su questa tematica, sebbene non potrò fare a meno di tenerla in considerazione, tenterò di riflettere piuttosto su quali siano le prospettive e le buone pratiche che l’emergenza sanitaria ha suscitato in relazione alla liturgia, all’indomani di questa esperienza che non può lascarci indifferenti e che certamente ha almeno provocato delle riflessioni e la necessità di adattamenti nei riti. Parlerò di riscoperte, di attenzioni che siamo chiamati a prendere in considerazione nel futuro in riferimento ad elementi, valori,

Nueva Modulación De La Misión Universal: El Escenario Abierto Por La Pandemia Del Covid-19

La forma de la misión universal de la Iglesia, hay que repetirlo continuamente, se va modulando al ritmo de los tiempos, de las circunstancias y de la conciencia que la Iglesia va desarrollando en su devenir histórico. Por eso ha de estar muy atenta a discernir e interpretar los signos de los tiempos. En la actualidad estamos inmersos en uno de esos fenómenos que puede ser considerado como signo de un tiempo nuevo e impredecible que marcará sin duda el camino de la Iglesia y su misión en el mundo.

Il coronavirus, quasi una saga

Non sappiamo con certezza come il virus sia entrato, forse da diverse porte. Il 14 marzo 2020, un fratello ha avuto una piccola febbre e si è isolato nella sua cella. Rientrava la sera prima dal dipartimento di Val-d’Oise, già classificato in quel momento come cluster di contaminazione: questo fratello era andato a far visita a suo padre ricoverato in ospedale e poi deceduto. Nonostante tutte le precauzioni del caso, un altro fratello si ammalava il 18, poi altri due il 21, e un altro ancora il 24, con sintomi lievi (38 di febbre, leggera tosse, fastidio ai polmoni) e senza la certezza che fosse davvero il covid. In seguito alla decisa ingiunzione del medico, l’intera comunità si è ritirata in isolamento, ciascuno nella sua cella dal 27 marzo fino al 21 aprile (cinque settimane): niente più vita comunitaria, uffici di preghiera in privato (in «solidarietà»: facevamo risuonare regolarmente le ore sia all’interno sia in chiesa). I pasti, preparati dalla trattoria dell’ospitalità, sono stati serviti su vassoi individuali e portati alla porta delle camere da quattro fratelli «presunti sani», nel senso che non manifestavano alcun sintomo. Divieto di muoversi nel monastero, tranne che all’esterno, in quanto il tempo era bello. Sono stati effettuati sei test, tutti positivi :

PRAYER IN THE TIME OF THE PANDEMIC

dear heavenly and loving Father as your children, as one family: with deep faith and a total surrender to your will

at a time when our world is gripped with the pandemic COVID-19 It is more than a year now: we are tired, afraid and uncertain
Thousands (including our loved ones) have died everywhere
and many more are affected

SEDOS MISSION SYMPOSIUM

TIME MONDAY, 11/10/2021 Opening Session
15:00 – 15:15 Opening Prayer (in different languages)
15:15 – 15:30 Opening Address:Fr. Tesfaye T. Gebresilasie, MCCJ, SEDOS President (EN)
The Mission of SEDOS
(Superior General of the Comboni Missionaries)
15:30 – 16:00 Introduction and Orientation
Fr. Peter Baekelmans, CICM, Director of SEDOS (EN)
New Trends in Mission
(Guest Professor at the Catholic University of Leuven, Belgium)

Download the whole Issue:

Bulletin July-August 2021

Translated Articles